Holidays in safety
Albergo Vedig Hotel S. Caterina Valfurva
Winter pure emotions
Winter pure emotions
Winter pure emotions
Winter pure emotions
Winter pure emotions
Winter pure emotions

Check availability

Best Rate Guarantee

calendar
  • Best Price Guarantee
  • Packages and exclusive services
  • More flexibility about cancellations and modifications
  • Ability to upgrade (due to availability)
  • Free Wi-Fi

The History of Zebrù

Buondì Sciòr (buongiorno Signore)


oggi vogliamo RACCONTARTI

La Storia di Zebrù il Camoscio.

Zebrù era un giovane camoscio. Insieme al suo branco viveva tra le vallate alpine che si susseguono nel Parco Nazionale dello Stelvio. L’ambiente alpino era il luogo ideale per crescere forte e indipendente mentre l’esperienza del branco permetteva a Zebrù di conoscere la storia e le leggende di quei luoghi donandogli la saggezza per vivere in ambienti ostili come quello delle Alpi.

Zebrù era un camoscio “diverso”, amava distinguersi dal resto del branco, spesso si isolava e cercava di prendere degli spazi solo per se. Amava ammirare la ballezza unica della natura. In primavera passava ore ad osservare l’intensità del colore dei rododendri in fiore, il profumo delle gemme di pino e la perfezione delle stelle alpine mentre quando arrivava l’inverno erano le geometrie dei fiocchi di neve ad affascinarlo, era un cultore del bello, per Zebrù i dettagli fanno la differenza.

Spesso si scontrava con il branco, non condivideva la loro esasperata pragmaticità e la loro mancanza di “senso del bello”. Per contro il branco spesso lo redarguiva e lo richiamava a rispettare le regole che permettevano allo stesso di sopravvivere.
Alcuni camosci invidiavano Zebrù e di nascosto lo seguivano per scoprire i posti segreti dove passava le sue giornate ad osservare il suo Mondo.

A Zebrù il branco iniziava a stare stretto.

Sebbene ne apprezzasse la sicurezza e gli insegnamenti, sentiva che quel mondo non era in grado di valorizzarlo abbastanza, sentiva che doveva cercare e creare qualcosa di diverso da solo, lontano dal branco.

Una mattina d’autunno decise di abbandonare il branco.

Il clima mite di quell’autunno rese le giornate di Zebrù piene di avventure. I colori unici di quella stagione speciale riempivano di emozione i suoi occhi. L’indipendenza dal branco era, per Zebrù, un traguardo irrinunciabile ed era orgoglioso della sua scelta e del suo coraggio.
Fu all’imbrunire di una giornata di tardo autunno che il dubbio iniziò ad insinuarsi tra i suoi pensieri.

Si ritrovò solo in un angolo sperduto delle sue valli. Sulla neve appena caduta le orme inconfondibili di un branco di camosci si facevano traccia lungo il percorso che solitamente seguiva per raggiungere l’anfratto che lo proteggeva durante le fredde giornate invernali.
Quelle orme richiamano alla sua memoria la vita nel branco e sebbene quello stile di vita, fatto di concretezza e privo di contemplazione estatica, sembrava non appartenergli, prese coscienza che apparteneva alla sua natura

Quella notte Zebrù mise in discussione la sua scelta di staccarsi dal branco.
La possibilità di aver fatto esperienza della solitudine e di averne preso coscienza ha permesso a Zebrù di integrare e valorizzare la sua diversità per completare se stesso era

imprescindibile accettare il senso di appartenenza al branco.

Fu la luce della Stella Polare ad illuminare e confermare l'essenzialità del branco
Da sempre aveva potuto dedicarsi senza troppi pensieri a coltivare le sue passioni, a perdersi nella natura, perché era il branco che lo guidava e lo proteggeva.

Il giorno seguente Zebrù si riunì al branco.

Zebrù aveva creduto che staccarsi dalle sue radici l’avrebbe reso un individuo più forte e riconosciuto. In realtà quel distacco era stato necessario per potersi completare e prendere coscienza della sua appartenenza al branco.

Aveva capito che per essere unici bisogna restare legati a ciò che ci ha permesso di costruire quell’unicità.

GRAZIE per aver letto il nostro RACCONTO

La Storia di Zebrù il Camoscio è una TRASPOSIZIONE SIMBOLICA
LA FAMIGLIA PEDRANZINI > ZEBRU' IL CAMOSCIO

IL VEDIG > IL BRANCO

Smart request information

Well-being & relaxation surrounded by nature

Webcam

Real Time Web cam

Newsletter

Subscribe and receive news, promotions and much more

Social Wall

Social network's Hotel Vedig.

Book directly with us

  1. Garanzia del miglior prezzo
  2. Possibilità di accedere a pacchetti e servizi esclusivi
  3. Più flessibilità nel caso di cancellazioni e/o modifiche
  4. Possibilità di upgrade al check in (secondo disponibilità)
  5. connessione internet Wi-Fi gratuita



booking

Request information

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 DEL D.LGS 196/2003 I dati personali acquisiti saranno utilizzati da Albergo Vedig - Via Vedich, 14 - 23030 S. Caterina Valfurva (SO), anche con l'ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati, esclusivamente per rispondere alla richiesta formulata. Ai sensi dell'art. 7 del d.lgs 196/2003 si ha il diritto di accedere ai propri dati chiedendone la correzione, l'integrazione e, ricorrendone gli estremi, la cancellazione o il blocco scrivendo all'indirizzo info@albegovedig.it.

Contacts

T +39 0342 935305

F +39 0342 925794

Via Vedich, 14 - 23030 S. Caterina Valfurva (SO)

bagnivecchi_bagninuovi valtellina Stelvio_Natural_Trail_Park bormio_terme alp_trek scuola_sci valtellina skipass_alta_valtellina

Hotel Vedig - P.IVA 00658470141 - Privacy

Made in Kumbe, with passion